17 febbraio 2018: “Versi, musica e voluttà” Romanze da camera su testi di Gabriele D’Annunzio

Sabato 17 febbraio 2018 a Palazzo Pesce a Mola di Bari I Melodisti e L’Atelier delle Arti celebrano gli ottant’anni dalla morte di Gabriele D’Annunzio. Il tenore Francesco Castoro e il pianista Vincenzo Cicchelli, con l’approfondimento di Stefania Gianfrancesco, presentano “Versi, musica e voluttà. Romanze da camera su testi di Gabriele D’Annunzio”.
Il poeta pescarese è il simbolo dell’Arte Nuova di cui detta mode e parole. Il lusso esibito, la mondanità inarrestabile, il piacere dissacrante: il Vate fa della propria vita un’opera d’arte. Passa notti inquiete. Suscita scalpore. Beve menta Get. Viene quasi ucciso per gelosia dai mariti delle sue donne. E scrive i versi più belli. Che costruisce con infaticabile impegno.
Dietro l’immagine da sofisticato esteta c’è un’esistenza di lavoro e isolamenti che durano settimane. Il suo potere seduttivo è legato alla maestria tecnica della sua parola e la sua poesia ispira una rinascita della romanza per canto e pianoforte. D’Annunzio di se stesso dice “io sono un mistero musicale con in bocca il sapore del mondo” e molti dei compositori della sua generazione rivestono della loro musica i suoi versi.
La voce del tenore italiano è qui chiamata a cantare un mondo intimo, permeato da una sensibilità raffinata, fatta di gesti, di atmosfere, di evocazioni, di segrete carezze.

Ticket: 10 euro

sabato 17 febbraio 2018 h 20.30 | Sala Etrusca di Palazzo Pesce
via Van Westerhout 24, Mola di Bari
Info e prenotazioni: 3931340912 – palazzopesce@yahoo.it

Consulta gli altri articoli del blog

Eventi di successo (2)

 

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: